Le piante in ufficio migliorano la produttività

Piante in ufficio? Sì, grazie!

L’ufficio è il posto dove la maggior parte di noi trascorre le ore principali della giornata e per questo è necessario che sia un luogo quanto più possibile salubre, oltre che ecosostenibile.

Recenti studi condotti da un gruppo di ricercatori americani hanno evidenziato che, troppo spesso, la concentrazione di anidride carbonica nei luoghi di lavoro è talmente elevata da compromettere non solo la salute dei dipendenti, ma anche la produttività.

Tali livelli, naturalmente, risultano dannosi anche per l’ambiente circostante e dunque è necessario che vengano tenuti costantemente sotto controllo. Per questo è buona norma cambiare spesso l’aria aprendo porte e finestre, ma non solo. Per abbassare i livelli di anidride carbonica e anche per migliorare la concentrazione, la produttività e ridurre lo stress, le piante da interno, magari da tenere proprio sulla scrivania, sono la soluzione ideale.

Le piante, infatti, sono in grado di purificare l’aria poiché assorbono le sostanze voltili più nocive, inoltre, secondo recenti studi, prendersi cura di una piantina aiuta a contrastare lo stress e ad aumentare la produttività. Quando d’inverno a causa del riscaldamento l’aria diventa troppo secca, ricordatevi che le piante possono aiutare anche a ristabilire il giusto grado di umidità.

Tra le piante da interno più adatte all’ambiente di lavoro troviamo: il filodendro, la melissa, lo spatifillo e il falangio. Ognuna di queste possiede diverse caratteristiche che vi aiuteranno a migliorare la qualità dell’aria e del lavoro e, naturalmente, anche a rendere più accogliente l’ufficio. Noi ci stiamo già attrezzando!

Questo elemento è stato inserito in News. Aggiungilo ai segnalibri.